Autore: zeprojectssrl@gmail.com

Come deve cambiare l’architettura?

Sappiamo, nostro malgrado, con certezza che dovremo abituarci ad altre possibili future pandemie. E’ la conseguenza inevitabile della combinazione di diversi fattori che hanno profondamente variato gli equilibri della terra. La pandemia covid-19 che stiamo ancora cercando di sconfiggere ci deve far riflettere su molti aspetti, compreso sull’adeguatezza degli immobili agli standard che si rendono oggi necessari.

Abbiamo assistito per esempio a strutture sanitarie ed ospedali agire come veri e propri focolai vettori del virus, questi sono stati gravi segnali a conferma dell’inadeguatezza delle strutture. Ma queste non sono di certo l’unico ambito d’azione su cui bisogna intervenire, l’inquinamento indoor, la cattiva qualità dell’aria delle nostre abitazioni, e la scarsa attenzione fino ad ora prestata alla qualità degli ambienti pubblici sono di certo altri ambiti che meritano altrettanta considerazione.  In sostanza pensiamo che se il mondo sta cambiando così rapidamente da renderci spesso impreparati ai possibili risvolti negativi conseguenti a tali trasformazioni, proprio per questo non è mai stato così determinante adeguare ed innovare rapidamente le proprie strutture. L’architettura non è altro che lo spazio entro il quale avvengono interazioni tra esseri umani, quindi questo spazio deve essere adeguato ai bisogni emergenti delle persone.

Pensiamo agli scenari possibili che ci attendono in ambito turistico alberghiero e della ristorazione piuttosto che cosa avverrà negli degli spazi commerciali. Stiamo assistendo ad un vero e proprio terremoto specialmente in questi settori, sappiamo già che molti operatori non riusciranno a sopravvivere oltre la crisi, ma quelli che resisteranno dovranno innovarsi rapidamente ed adeguarsi ai nuovi bisogni emergenti. E’ facile comprendere quanto questo sarà difficile perchè in parte ignoto, ma nello stesso tempo determinante. Noi siamo al fianco di questi imprenditori, pronti ad accompagnarli, supportarli in questa traversata.

leggi anche

Come deve cambiare l’architettura?

Sappiamo, nostro malgrado, con certezza che dovremo abituarci ad altre possibili future pandemie. E’ la conseguenza inevitabile della combinazione di diversi fattori che hanno profondamente

Arte: un toccasana per la nostra anima

Mangiare bene, fare movimento, utilizzare prodotti naturali: sono tutte cose che facciamo per mantenerci sani e in salute, o meglio, per mantenere sano e in salute il nostro corpo. Eppure sappiamo bene che la vera chiave per raggiungere la serenità è curare il benessere dell’anima.

Ma di cosa si nutre l’anima? Tra gli elementi più utili e comuni che le arrecano beneficio troviamo l’arte. Questa si basa infatti sulla bellezza, la quale, come sostengono filosofi, artisti e poeti di tutti i tempi, è un toccasana autentico per la nostra anima.

L’arte ci dà e ci insegna tanto, è in grado di regalarci emozioni ed esperienze uniche, ci connette con il mondo e con l’umanità intera. È in grado di ricordarci che non siamo soli, che i nostri sentimenti sono universali e che non abbiamo nulla da vergognarci. È come un faro nelle avversità, poiché rappresenta la conoscenza, l’integrazione e la socialità.

Arte e psicologia

Guardare uno spettacolo teatrale o una mostra d’arte, ascoltare musica o leggere poesia, sono tutte esperienze che nutrono la nostra esistenza, permettendoci di entrare in contatto con gli aspetti vitali e creativi che abbiamo dentro di noi. Per questo motivo, soprattutto negli ultimi anni, l’arte è stata sempre più spesso affiancata alla psicologia.

Il primo a capirne l’utilità fu Freud, a cui succedette John Dewey, il quale si dedicò allo studio dell’arte con lo scopo di ricostruire la continuità tra le opere e i fatti, le azioni e le passioni di tutti i giorni. Interessante è poi un recente studio fatto su 51000 persone e pubblicato sulla rivista “Journal of Epidemiology and Community helt”: i risultati ottenuti dimostrano come dipingere, scrivere, recarsi a una mostra o suonare uno strumento influiscano notevolmente sulla nostra felicità e salute.

La stessa ricerca rivela anche che gli uomini traggano maggiori benefici dall’assistere alla cultura, mentre le donne preferiscono essere loro stesse creative.

L’esperienza artistica

Cosa accade nello spettatore di un’opera d’arte? Pare che esistano due differenti reazioni. La prima è la vera e propria ricreazione estetica basata su empatia e partecipazione, mentre la seconda si basa soltanto sulla ricezione intellettuale, senza comprendere una risposta emotiva.

Coloro che sviluppano la prima reazione si immedesima nell’opera, empatizzando con essa. Vi iniziano un dialogo, che li fa dimenticare ogni altra preoccupazione e li aliena da spazio e tempo. Contemplare la bellezza è un’esperienza simile all’amore, infatti il nostro cervello attiva gli stessi processi chimici: prima affascina i nostri sensi per le sue qualità formali, poi crea un godimento estetico che offre appagamento e aspira all’eternità.

I benefici dell’arte sulla nostra anima

I benefici che l’arte porta alle persone sono numerosi. Prima di tutto, aiuta ad esteriorizzare la frustrazione e le emozioni represse, favorisce la socializzazione e aiuta a calmare l’ansia, lo stress e la paura. Inoltre, aiuta a conoscere se stessi e il proprio potenziale, incentivandone lo sviluppo e facilitando l’espressione e la comunicazione.

Ogni arte ha poi i suoi benefici specifici: la danza è particolarmente consigliata per le persone che soffrono di disturbi alimentari, mentre la musica è in grado di calmare alcuni dolori, grazie alle sue proprietà rilassanti e tranquillizzanti. Il teatro e la fotografia sono invece indicati per chi soffre di bassa autostima.

Le strutture ZEP Art

In conclusione, è fondamentale mantenersi sempre curiosi verso il mondo, aprirsi al bello e alla creatività. 

Grazie ai nostri padiglioni smontabili e facilmente trasportabili ZEP Art, siamo in grado di raggiungere anche i luoghi più remoti dove solitamente l’arte non arriva.

Questi sono “scrigni” itineranti che possono ospitare esposizioni temporanee, pop-up stores, artigianato locale, mostre di pittura, corsi di arte, spettacoli teatrali e spettacoli per i bambini. Sono ecologici e sicuri, grazie alla progettazione interna e all’uso di materiali naturali coloro che vi entrano non possono che apprezzarne il contenuto e sentirsi in piena sintonia con l’ecosistema.

leggi anche

TURISMO E SOSTENIBILITÀ: materiali naturali per vivere in simbiosi con l’ambiente

Complice l’urgenza ambientale che si fa di giorno in giorno più prominente, la sostenibilità è un tema che sta sempre più a cuore agli italiani. Il 95% di essi, infatti, dichiara di fare molta attenzione a evitare gli sprechi, ad esempio svolgendo regolarmente la raccolta differenziata e regalando nuova vita agli oggetti che non utilizza più.

Inoltre, quasi la metà del totale ritiene che la sostenibilità sia un valore prioritario, in grado di influire notevolmente sulla maggior parte delle scelte quotidiane: tali dati sono nettamente superiori a quelli degli scorsi anni.

 In tale contesto, è prevedibile che l’interesse sul tema sia destinato a crescere: a beneficiarne, oltre al pianeta e a tutti noi che lo abitiamo, saranno quelle attività che si preoccupano attivamente dell’argomento, facendo scelte sostenibili ed eco-friendly.

 Non fa eccezione il settore turistico: sempre più viaggiatori cercheranno strutture green, come quelle di Zepoint, per le loro vacanze.

Cosa si intende con turismo ECO-Sostenibile

Il settore turistico è tra le principali attività economiche del mondo, seconda solo al petrolio, e dà lavoro a una persona su quindici. Allo stesso tempo, è anche tra le industrie più inquinanti. Secondo vari studi, tra cui quello della rivista Nature Climate Change, si tratta infatti della quarta fonte d’inquinamento in Europa, nonché il settore responsabile dell’8% delle emissioni di anidride carbonica dell’intera economia globale.

È evidente che si tratti di un fenomeno ambivalente: da una parte complice del degrado ambientale e della perdita d’identità locale di una determinata area, è anche un elemento in grado di contribuire allo sviluppo socio-economico della stessa. Con dati allarmanti di questo tipo, ben tre volte peggiori alle aspettative, diventa primario per la sopravvivenza nostra e del nostro pianeta guardarsi intorno alla ricerca di una soluzione: in nostro soccorso viene il turismo sostenibile.

Approccio nato a fine anni ’80, si preoccupa allo stesso tempo di luogo sociale e ambientale, accrescendo le opportunità future e ponendosi l’obiettivo di soddisfare le esigenze di turisti e regioni ospitanti. Questa tipologia di turismo si basa su prodotti e strutture che non intaccano l’identità del luogo, ma al contrario lo valorizzano, integrandosi con ambiente e culture locali. In tale contesto, le comunità che ci vivono non sono più vittime, ma al contrario beneficiarie, dello sviluppo turistico.

Le caratteristiche di una struttura ECO-Sostenibile

Ma cosa si intende per struttura sostenibile e quali requisiti deve soddisfare per essere definita tale? Gli elementi in gioco sono tanti, di seguito vediamo in breve i principali.

Primo tassello fondamentale è quello che riguarda l’energia. Un hotel di medie dimensioni produce circa 500 tonnellate di emissioni gas a effetto serra, quantità che può essere notevolmente ridotta tramite semplici accortezze come l’istallazione di luci a led e dispositivi di rilevazione presenze. Ancora meglio sarebbe disporre di impianti solari fotovoltaici e di sistemi solari termici che producano autonomamente energia elettrica e acqua calda. Molta attenzione va posta poi nell’evitare il più possibile gli sprechi d’acqua, in particolare di quella calda, e nell’adottare un sistema di gestione rifiuti differenziati.

Le piante sono un altro elemento immancabile in una struttura eco-sostenibile: purificano l’aria, assorbono CO2 e rendono più piacevoli gli spazi. Valore aggiunto sarebbe poi che le strutture stesse fossero realizzate con materiali naturali, scelta di design che porta concreti benefici. Infine, una struttura green dovrebbe scegliere fornitori e collaboratori che perseguono i suoi stessi valori, ad esempio offrendo cibo biologico a km zero e trasporti ecologici.

I benefici di alloggiare in strutture ECO-Sostenibili

Una struttura eco-sostenibile non solo fa bene all’ambiente, ma è anche un toccasana per la salute di chi ci alloggia. I suoi ambienti sono infatti notevolmente più salubri rispetto a quelli di un hotel tradizionale, a causa della minor quantità di sostanze chimiche impiegate: i benefici per i suoi ospiti non tarderanno ad arrivare, influendo sul sonno, sulla respirazione e addirittura sulla concentrazione!

Le strutture ZEPoint

Le strutture Zepoint e Zepoint Goldelite si propongono di andare incontro a tutti questi bisogni: green senza cedere a compromessi e completamente Made in Italy, sono moduli prefabbricati realizzati con materiali edili naturali, in grado di combinare architettura sostenibile e tecnologie allavanguardia.

Anallergici e nickel free, tutti gli oggetti e gli arredi vengono realizzati da officine del territorio coordinati dall’azienda GHA e dal design Zeprojects, entrambe aziende green della realtà bolognese. I materiali maggiormente impiegati nella realizzazione sono canapa, sughero e legno: grazie alle loro qualità antibatteriche, battericida e anticorrosive, risultano resistenti al tempo e consentono un notevole risparmio d’acqua e di detersivi. Tali materiali permettono inoltre di realizzare atmosfere uniche, veri e propri organismi architettonici viventi, in grado di respirare come le persone e di traspirare le loro origini.

Grazie ad un’attenta progettazione degli spazi interni in continuo dialogo con l’esterno, coloro che vi entrano si sentiranno in piena sintonia con lecosistema e avranno l’immediata sensazione di un maggior benessere. I nostri moduli turistici sono pensati per essere posizionati direttamente sul terreno, ma anche per essere palificati, galleggianti o sopraelevati: il tutto viene realizzato tenendo conto delle particolarità intrinseche del sito e dell’ecosistema, nel completo rispetto della natura. Inoltre, investire in strutture ZEP è un investimento sicuro: le strutture sono garantite fino a 30 anni e possono essere smontate, rimontate e spostate in caso di qualsiasi necessità.

Contattaci per saperne di più!

leggi anche